m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

"Con il dovuto rispetto possiamo dissentire sull'appello lanciato da Anpi, Arci. Cgil Cisl Uil e da innumerevoli partiti al Governo del Paese?". Intervento di Fabio Sebastiani e Federico Giusti (17/01/21 16:47)

Uniamoci per salvare il paese, questo è un titolo già abusato nel passato, anzi ogni qual volta c'è da salvare qualche governo rispuntano petizioni e attivismi di quanti non hanno avuto da ridire sulle disuguaglianze crescenti, sullo smantellamento della sanità e dell'istruzione pubblica, sulla lenta e inesorabile erosione dei diritti civili, sociali e sindacali. Ieri Berlusconi, poi Rifondazione, oggi è forse Renzi il nemico da cui guardarsi? E quanti Renzi lo avevano spunto con percentuali plebiscitarie alla guida del Pd sono forse senza colpe e senza macchia? Siamo in presenza di un utilizzo errato dell'antifascismo, non ci sembra del resto che il Governo sia minacciato da camicie nere o rossobrune, semmai sta pagando le contraddizioni di politiche di austerità e neoliberiste mai messe in discussione e poste sul banco degli imputati. Esiste un fascismo di cui buona parte dei firmatari di questo appello sono stati complici, il fascismo delle politiche di austerità imposte attraverso la Bce, i patti di stabilità che hanno portato alla riscrittura anche delle carte costituzionali di alcuni paesi. E quel fascismo finanziario ha finito con il produrre danni nefasti lasciando alle destre reazionarie e talvolta xenofobe l'egemonia sulle masse popolari. Se una Resistenza va rilanciata è quella delle classi lavoratrici dalle poltiche di austerità, dalle liberalizzazioni che hanno ridotto la sanità pubblica allo stato attuale. I valori evocati dall'appello sono solo richiami retorici, si parla di pace quando i governi di centro sinistra sono stati complici delle guerre globali votando in Parlamento la partecipazione dell'Italia in spregio alla Stessa Costituzione da loro invocata (e affossata con la Riforma del Titolo V). E gli stessi firmatari cosa hanno da dire sulla vendita di armi all'Egitto proprio quando sottoscrivono gli appelli per G. Regeni? E sul lavoro? Possibile che a nessuno venga in mente di cancellare il jobs act ? E la solidarietà? E' forse quella che scambia parti di salario con bonus rinunciando a sanità e previdenza pubblica a favore delle pensioni integrative e dei fondi salute o della sanità privata? E la democrazia? E' forse quella impersonata da Biden, dai democratici che hanno fatto proprie le politiche neoliberiste e di drastico ridimensionamento del welfare con la famiglia Clinton? E' del tutto legittimo che partiti, sindacati e associazioni vogliamo salvare un Governo ma tirare in ballo valori e pratiche in antitesi alle politiche portate avanti da quel Governo appare veramente troppo. La vecchia tendenza dell'associazionismo, dei sindacati e della associazione antifascista di fare da sponda ai Governi benedetti dalla Bce è il problema rimosso, che poi un appello del genere venga perfino sottoscritto da realtà comuniste, o sedicenti tali, dimostra che la storia recente non sia stata fonte di insegnamento e la tanto auspicata autonomia di pensiero e di azione sia una astratta dichiarazione di intenti seguita da fatti antitetici. E' il caso allora di ripensare alla vecchia massima andreottiana: il potere logora chi non lo ha e quanti si vedono esclusi dal Governo del paese sono disposti a tutto , perfino a resuscitare valori traditi ripresentati con quel vecchio armamentario ideologico e retorico sempre piu' inviso ai subalterni.
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro