m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

Trump esce dalla Casa Bianca ordina una carica a freddo e poi sventola la Bibbia sotto gli occhi delle telecamere (do you remember?). Rinnovata la crociata "antiterrorismo" contro i gruppi Antifa (02/06/20 10:19)

Dal Rose Garden di una Casa Bianca blindata dai militari e assediata dai manifestanti Trump definisce la rivolta sociale che sta allarmando i quattro angoli degli Usa "atto di terrorismo interno". Le proteste esplose in tutto il Paese dopo la morte di George Floyd, l'afroamericano ucciso a Minneapolis per mano della polizia vengono affrontate con la minaccia di mobilitare l'esercito americano, e invocando l'Insurrection Act del 1807 che da' a un presidente il potere di dispiegare militari all'interno del territorio degli Stati Uniti. "Io sono il presidente dell'ordine e della legalita'", ha scandito il tycoon, mentre in sottofondo si udiva l'eco degli spari dei gas lacrimogeni lanciati dalla polizia militare contro i manifestanti che, sfidando il coprifuoco, stavano pero' protestando pacificamente. "Il presidente ha il diritto di difendere il suo Paese e di proteggere la sua nazione. Non possiamo permettere che le proteste pacifiche vengano manipolate da anarchici di professione e gruppi antifa", ha affermato Trump. Finito di parlare alla nazione il presidente e' voluto uscire a piedi dalla Casa Bianca per dirigersi, non senza aver ordinato un attacco a freddo contro un gruppo pacifico di manifestanti, verso la vicina St. John Episcopal Church. Giunto davanti alla chiesa Trump si e' fermato, si e' girato verso telecamere e fotografi e, alzando un braccio, ha sventolato la copia di una Bibbia: "L'America sta tornando grande", ha detto, prima di tornare sui suoi passi. Con lui, oltre a un foltissimo e preoccupatissimo gruppo di agenti del Secret Service, il capo del Pentagono Mark Esper, il ministro della Giustizia Williamn Barr, la figlia Ivanka (l'unica con la mascherina)e il genero Jared Kushner. In tanto, sfidando il coprifuoco, le proteste sono andate avanti per la settima serata consecutiva, come a New York, a Dallas, ad Atlanta, a Los Angeles, a Louisville. Mentre l'autopsia ufficiale ha confermato: George Floyd e' morto ucciso dalla polizia, per un arresto cardiaco provocato da un pressione sul collo.Ben Crump, avvocato della famiglia di George Floyd ha affermato che l'autopsia indipendente mostra che anche gli altri agenti di polizia coinvolti sono direttamente responsabili della morte di Floyd, non solo quindi l'ex ufficiale Derek Chauvin, accusato di omicidio di terzo grado. L'avvocato Crump spiega alla Cnn che l'autopsia condotta da un team di medici legali indipendenti assunti dalla famiglia ha mostrato che oltre all'asfissia provocata dalla pressione del ginocchio di Chauvin anche la "compressione della schiena" degli altri agenti su Floyd ha interferito sulla sua respirazione. "Speriamo che il procuratore generale (del Minnesota) Keith Ellison lo consideri ora mentre esamina la situazione degli altri agenti", ha detto Crump.
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro