m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

Diritti umani: don Ciotti, valore vita subordinato a profitto (10/12/20 13:13)

"In questo drammatico tempo segnato dalla pandemia è a rischio il diritto che sta alla base di tutti gli altri, il diritto fondamentale: quello alla salute, cioè alla vita. Guardiamo quella che sembra essere la principale preoccupazione dei governi nazionali e mondiali, trovare un punto di equilibrio fra la tutela della salute e la riduzione del danno economico, fra la protezione delle vite e l'esigenza che la protezione non intralci il sistema produttivo. Ma ragionare solo in questi termini significa già considerare il valore della vita subordinato a quello del profitto". Lo ha detto don Luigi Ciotti, presidente dell'associazione Libera, in un videomessaggio inviato in occasione del Meeting dei diritti umani della Regione Toscana. "Per riparlare credibilmente di diritti umani - ha aggiunto - non bastano allora correttivi politici o economici, serve una rivoluzione culturale di pensiero, serve un cambiamento radicale, non un semplice adattamento. Serve una rinascita, una rigenerazione". Don Luigi Ciotti ha poi aggiunto che "il Covid-19 non ha fermato il mercato delle armi e business delle guerre. Non ha impedito a monopolisti già ricchissimi di diventare ancora più ricchi. Ci sono multinazionali oggi, soprattutto nel commercio e nella sanità che hanno fatturati spaventosi, potendo agire in un mercato senza regole, fatto proprio a loro misura. E allora la malattia del virus e quello del potere vanno a braccetto troppo spesso, sembrano fatte l'uno per l'altro. Lo stesso - ha concluso - si può dire della corruzione e delle mafie, virus anche loro radicati e secolari, che nel virus stanno trovando nuove opportunità di espansione".
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro