m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

Castelnuovo di porto, continuano i trasferimenti (23/01/19 11:20)

Con un blitz militare centinaia di richiedenti asilo, molti nuclei familiari, ospitati nel CARA di Castelnuovo di Porto, nei pressi di Roma, ieri sono stati smistati e deportati in diverse località italiane. I trasferimenti sono ripresi oggii. Sarebbero 75 i migranti in partenza nella giornata odierna. Il Centro di accoglienza per richiedenti asilo alle porte di Roma, che è il secondo più grande d'Italia, chiuderà entro fine mese. Ad annunciare la chiusura era stato proprio il Comune della cittadina a nord di Roma sottolineando: "a poco più di un mese dalla conversione in legge del cosiddetto Decreto Sicurezza, il Cara sembrerebbe in chiusura". Il centro di Castelnuovo di Porto, attivo da oltre 10 anni, è arrivato ad ospitare fino a mille migranti. E si è distinto per i progetti di integrazione che ha portato avanti, come ricorda lo stesso Comune. Nel pomeriggio di ieri si è svolta una "passeggiata pacifica di solidarietà" con partenza dalla chiesa di Santa Lucia per "essere vicini agli ospiti del Cara in via di trasferimento e ai lavoratori che rischiano di perdere il lavoro". "Dopo tanti anni d'impegno della comunità locale - ha detto il vescovo della Diocesi di Porto e Santa Rufina, Gino Reali che ha preso parte all'iniziativa - mi pare assurdo interrompere progetti di integrazione bene avviati con la partecipazione di tanti cittadini e volontari delle diocesi".
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro