m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

I sindaci di Marzabotto e Stazzema scendono in campo contro l'apologia del fascismo (15/07/17 12:58)

Romano Franchi, sindaco di Marzabotto, in provincia di Bologna, e il suo collega di Stazzema, in provincia di Lucca, Maurizio Verona, scendono in campo a sostegno della proposta di legge contro l'apologia del fascismo presentata dsl deputato del Partito democratico Emanuele Fiano. In una nota congiunta i due primi cittadini, che rappresentano "comunita' colpite da due delle piu' sanguinose stragi nazifasciste del 1944", motivano il loro supporto alla proposta, che "mira a punire la propaganda del regime fascista e nazifascista, e la vendita di beni raffiguranti immagini o simboli del partito fascista", ricordando che "ad oltre 70 anni dalle stragi che hanno colpito i nostri territori assistiamo ad un proliferare di messaggi inneggianti a nazismo e fascismo".Per Franchi e Verona, quindi, "non e' possibile richiamare la liberta' di parola quando si parla di nazismo e fascismo", ne' sipuo' "derubricare a folklore la vendita di oggetti che esaltano il Duce e il fascismo nelle bancarelle e nei mercatini, come se fossero normali gadget", in quanto "offendono la memoria di chi e' morto a causa di quelle ideologie". Per questo i due sostengono la proposta di Fiano, che "impedisce la diffusione di messaggi che i nostri ragazzi non hanno ancora gli strumenti per comprendere". Dunque, sintetizzano, "occorre vietare la libera vendita di questi oggetti di dubbio gusto, ma soprattutto svolgere una grande azione culturale, soprattutto attraverso la scuola, per far comprendere cosa furono il fascismo in Italia, e il nazismo per la Germania", con un occhio di riguardo per il web, che "e' uno strumento di democrazia, ma veicola anchemessaggi antidemocratici, e che senza filtri diventano pericolosi". Oggi, concludono, "in Italia la democrazia non e' a rischio, ma non bisogna abbassare la guardia".
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro