m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

Castelfrigo, la visita di Cecile Kyenge: "Bruxelles deve vigilare". Cresce la solidarietà per lo sciopero no-stop da più di un mese (02/12/17 11:52)

"Una situazione intollerabile per la quale mi impegnero' a chiedere a Bruxelles di mantenere alta l'attenzione, sul rispetto dei diritti base dei lavoratori. Perche' in gioco c'e' questo: i diritti dei lavoratori, siano essi italiani o stranieri. La nostra capacita' di tutelare gli uni si ripercuote senza ombra di dubbio sugli altri". Cosi' l'europarlamentare Pd Cecile Kyenge commenta dopo la sua visita oggi ai lavoratori in appalto della Castelfrigo, la discussa ditta del distretto modenese di lavorazione delle carni. Osservaancora Kyenge dopo l'incontro ai cancelli dell'azienda di Castelnuovo Rangone, i cui addetti in appalto sono in sciopero non-stop da oltre un mese: "Ben 127 lavoratori si trovano a perdere il lavoro, dopo essere stati sfruttati da una costellazione di finte cooperative operanti nel settore della lavorazione della carne. Lavoratori spesso retribuiti con forme irregolari di pagamento e continuamente ricattabili ad ogni cambio di nome della cooperativa, con la minaccia di perdere il lavoro".Intanto, anche la Filt-Cgil di Modena, in appoggio ai colleghi della Flai-Cgil, sostiene l'apertura di un conto corrente ad hoc per aiutare i lavoratori in sciopero e senza stipendio: intestato a "Flai Emilia-Romagna vertenza Castelfrigo", il codice Iban e' IT10F0312702404000000002141 e la causale "sostegno lavoratori cooperative Castelfrigo. Nel frattempo, in Regione la consiglieraM5s Giulia Gibertoni chiede di istituire una "commissione speciale di ricerca e di studio sul tema delle cooperative cosiddette spurie o fittizie", a partire da quelle che lavorano con la Castelfrigo.
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro