m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

11:53 Ocse/ Pil area III trim +0,3%, calo su anno si attenua al -3,3% (23/11/09 13:35)

Roma, 23 nov. (Apcom) - L'economia di tutto l'insieme dell'area Ocse ha segnato una svolta nel terzo trimestre, con un incremento del Pil dello 0,8 per cento rispetto al trimestre precedente, in cui aveva segnato crescita a zero dopo quattro trimestri consecutivi di contrazione. Lo riporta l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico con un comunicato. Nel paragone su base annua la dinamica del Pil resta in calo, ma al meno 3,3 per cento risulta più moderata rispetto al meno 4,6 per cento registrato nel secondo trimestre. Una dinamica simile ha riguardato l'insieme delle sette maggiori economie avanzate, e nel comunicato l'Ocse segnala come "Italia e Stati Uniti hanno registrato crescite positive per la prima volta dallo scorso anno". Il Pil della Penisola è aumentato dello 0,6 per cento dal trimestre precedente, mentre la contrazione su base annua si è moderata al meno 4,6 per cento dal meno 5,9 per cento del secondo trimestre. Gli Usa hanno messo a segno un balzo dello 0,9 per cento del Pil rispetto al periodo immediatamente precedente, mentre la flessione su base annua si è attenuata al meno 2,3 per cento dal meno 3,8 per cento. Il progresso più sostenuto è stato registrato dal Giappone, dove tra il secondo e il terzo trimestre il Pil è aumentato dell'1,2 per cento, si legge, mentre la contrazione su base annua si è moderata al meno 4,4 per cento dal meno 7,1 per cento. Per l'area euro l'Ocse segnala un più 0,4 per cento del Pil rispetto al secondo trimestre e un calo annuo al meno 4,1 per cento, dal meno 4,8 per cento. Unica tra le grandi economie avanzate, la Gran Bretagna ha accusato una nuova flessione, meno 0,4 per cento del Pil rispetto al secondo trimestre anche se pure nel suo caso la contrazione si base annua si è moderata, al meno 5,2 per cento dal meno 5,5 per cento.
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro