m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

Bologna, Labas e Crash dopo lo sgombero violento della polizia: "Non molliamo. Domani nuove iniziative in piazza". Cgil: "L'intervento muscolare รจ stato un errore" (08/08/17 15:59)

Labas, il centro sociale sgombrato questa mattina a Bologna con un'azione cruenta delle forze dell'ordine, non si arrende: domani si terra'ugualmente il mercato agricolo organizzato dal collettivo. Anziche' all'interno della caserma Masini, ora sigillata, gli attivisti annunciano ilmercatino in piazza del Baraccano, nei pressi del parcheggio, in pratica accanto all'ex caserma. L'annuncio e' arrivato oggi in piazza del Nettuno, dove si e' tenuta (causa Comune blindato dalle forze dell'ordine) la prevista conferenza stampa. Ma gli sgomberati non si sono presentati soli: decine e decine di persone del mondo dell'autogestione, delle associazionismo e della sinistra cittadina ("giu' le mani da Labas" il coro scandito) hanno voluto manifestare vicinanza al centro sociale. "La Bologna che ha scelto di stare dalla parte di Labas", cosi' la definiscono gli attivisti, si riunira' in assemblea il 30 agosto e sabato 9 settembre formera' "un grande corteo per riaprire Labas". "La citta'- scandisce Tommaso di Labas- ha il diritto di riprendersi quello che e' suo". Molto esplicito Domenico Mucignat del Tpo: "Merola da anni dice che e' disposto a trovare una soluzione alternativa, ma fin qui abbiamo visto solo sgomberi. Dall'8 agosto al 9 settembre c'e' un mese, vediamo se per una volta riesce a rispettare quello che ha detto. Guazzaloca ci misemolto meno".Molte le voci che si sono levate per criticare l'intervento della polizia, a cominciare dalla Cgil. L'azione "muscolare" di questa mattina aBologna, con lo sgombero dei collettivi Labas e Crash "e' un errore". Sia perche' "si rischia di gettare a mare un'esperienza di carattere sociale". Sia perche' sarebbe stato meglio "usare un percorso diplomatico, invece che un atto di violenza". E in questo il sindaco di Bologna, Virginio Merola, "non se la puo' cavare dicendo che e' una scelta della magistratura, perche' lui ha un ruolo", sentenzia il segretario generale della Camera del lavoro di Bologna, Maurizio Lunghi, sottolineando anche che "pure la tempistica e' stata giocata male". Per "garantire la legalita' e per liberare aree che si ritiene debbano essere messe in commercio- ribadisce- era meglio approfondire il confronto, visto che dei canali si erano aperti". Per come e' stata fatta, insomma, questa azione "e' un atto di violenza. Si poteva trovare una soluzione senza arrivare ai manganelli", chiosa.Continuano, intanto, gli attestati di solidarieta' ai centri sociali. Per l'eurodeputata di Possibile, Elly Schlein, le immagini dello sgombero di Labas "con la forza dei manganelli sono una vergogna", oltre che "il segno dell'incapacita' e della mancanza di volonta' politica delle istituzioni cittadine di trovare un terreno di dialogo con esperienze di innovazione sociale che cercano di dare risposte ai bisogni degli ultimi, spesso sopperendo all'insufficienza di quelle istituzionali". Quanto al fatto che, contemporaneamente, e' stato sgomberato anche Crash "si conferma una preoccupante tendenza in atto da tempo, quella di rispondere con forza e prepotenza a chi mette in discussione modelli che hanno contribuito ad aumentare le diseguaglianze e l'esclusione sociale".
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro