m.ControLaCrisi.org - (visualizza versione completa)

L'ambiente questo sconosciuto nell'informazione pubblica e privata in Tv (22/12/17 16:43)

Il rapporto Eco-media 2017, promosso da Pentapolis Onlus e presentato ieri a Roma durante il IV forum nazionale Ambiente e sviluppo sostenibile tra informazione, economia e politica indaga la presenza di notizie dedicate all’ambiente nelle edizioni prime time dei sette principali Tg italiani, ovvero quelli che vanno in onda su Rai1, Ra2, Rai3, Rete4, Canale5, Italia1 e La7. Un’operazione per la quale occorre un microscopio: su 24.673 notizie presentate nei primi sei mesi del 2017 dai Tg, solo in 2.760 casi (l’11% del totale) si è parlato d’ambiente. E nella stragrande maggioranza dei casi non si è trattato di approfondimenti capaci di aiutare i telespettatori a comprendere tematiche, problemi e possibilità legate allo sviluppo sostenibile, ma lanci di cronaca legati a eventi catastrofici. Nel dettaglio – spiega il rapporto Eco-media – nell’agenda dei Tg prime time si parla per il 46% di “Cronaca di disastri naturali” (si riferisce alle scosse di terremoto registrate nell’Italia centrale, 33%, e ai grandi eventi atmosferici, in particolare la valanga che ha travolto l’Hotel Rivapiana di Rigopiano, 52%) e, a seguire, per il 26% di “Condizioni meteorologiche”; la categoria Natura&animali arriva invece all’8% (le principali tipologie di animali a cui si interessano i telegiornali sono: gli animali domestici, 18%, gli animali selvatici, 31% lupi, cinghiali, ecc. vicini a zone appartenenti a centri urbani, gli animali marini per il 23%). «L’obiettivo del rapporto Eco-media – spiega al proposito il presidente di Osa, Osservatorio sviluppo sostenibile e ambiente nei media, Massimiliano Pontillo – è quello di stimolare la stampa italiana a un diverso approccio nei confronti delle tematiche ambientali, con una conseguente e auspicabile maggiore attenzione da parte del decisore pubblico. Nelle notizie affrontate dai Tg nazionali l’ambiente non è mai reale protagonista ma è lo sfondo su cui si raccontano vicende quasi sempre drammatiche, la causa scatenante improvvisa e imponderabile con cui le vittime devono misurarsi». I “temi ambientali” più nobilmente intesi rappresentano invece solamente il 20% delle 2.760 notizie a tema ambiente lanciati dai Tg nazionali: ovvero in appena 552 casi, ovvero il 2,24% delle notizie totali. All’interno di questo misero pacchetto, si è parlato per il 32% di clima (accordi sul clima e cambiamenti climatici), per il 24% di tutela ambientale e per un altro 24% di rifiuti, per il 20% di inquinamento. Non c’è dunque da stupirsi se ad esempio – come documenta l’ultimo report diffuso dall’Eurobarometro – in Svezia la principale preoccupazione dei cittadini (con il 37% delle preferenze) è il cambiamento climatico, mentre in Italia (7%) no. D’altronde a fornire una diversa scala delle priorità sono in primis i principali leader politici italiani: lo stesso Osservatorio sviluppo sostenibile e ambiente nei media documenta che tra gennaio e luglio 2017 Berlusconi, Bersani, Di Maio, Meloni e Salvini nelle loro dichiarazioni non hanno mai parlato di economia verde, Renzi è arrivato all’1% e Gentiloni al 7%. Quote decisamente poco rilevanti: la speranza è che la campagna elettorale che si sta accendendo cambi qualcosa, e l’ingresso dell’ormai ex presidente di Legambiente Rossella Muroni nella formazione di Liberi e Uguali è il primo segnale importante in tal senso.
Chi Siamo | Webmaster: Luciano Ferraro